Proroga al Fondo Kyoto per le Scuole

Nomina dell’Energy Manager
9 marzo 2018

Col DM 169/2017 è stata prorogata al 30 giugno 2018 la scadenza per la presentazione delle domande di finanziamento agevolato a valere sul Fondo Kyoto.

I finanziamenti sono destinati alla riqualificazione energetica e alla sicurezza antisismica degli edifici scolastici pubblici, dagli asili alle università. Si tratta di prestiti concessi ad un tasso agevolato dello 0,25%.

I prestiti agevolati devono essere utilizzati per interventi che consentano di raggiungere un miglioramento di almeno due classi del parametro di efficienza energetica dell’edificio in un arco temporale massimo di 3 anni. Il Fondo consente di finanziare anche opere di adeguamento alla normativa antisismica, fino ad un massimo del 50% del valore del progetto.

Tra gli interventi agevolabili rientrano l’analisi, il monitoraggio e le diagnosi energetiche, cui possono essere assegnati al massimo 30.000 euro da restituire in dieci anni.
Sono ammessi anche interventi sull’illuminazione, l’installazione di schermature solari, la sostituzione degli impianti, con caldaie a condensazione e pompe di calore, anche in accoppiamento con impianto fotovoltaico, fino ad un massimo di un milione di euro da restituire in vent’anni, e gli interventi di riqualificazione comprendenti sia l’involucro che gli impianti. A questi lavori potranno essere assegnati al massimo 2 milioni per edificio e il finanziamento avrà una durata di vent’anni.

E’ consentita la cumulabilità con i contributi a fondo perduto previsti dal Conto Termico, fino ad un massimo del 50% del valore della spesa.

Possono accedere ai prestiti agevolati:

  • i soggetti pubblici proprietari degli immobili;
  • i soggetti pubblici che a titolo oneroso o gratuito hanno in uso gli immobili pubblici sopra descritti;
  • i Fondi di investimento chiusi, costituiti ai sensi dell’articolo 33,comma 2, del decreto legge 6 luglio 2001,n. 98, convertito con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 e s.m.i.

Per la presentazione del progetto di riqualificazione è richiesta la diagnosi energetica.

Share This